IL PD BLINDA LA MAGGIORANZA (con inciucio!)

27 Maggio 2011

Nonostante le dichiarazioni iniziali di apparentamenti al ballottaggio, il candidato sindaco Buttiero con la sua colazione composta da (tenetevi forte !!) UDC, IDV, PD e MODERATI, ha deciso di voler affrontare la sfida da solo. Tutta la sinistra resta fuori insomma!

Che il PD non fosse un partito di sinistra lo si era capito già da tempo, ma il suo voler essere più democratico degli altri gli permette (in caso di vittoria si intende) di ottenere ben 10 consiglieri con appena il 23% per cento di voti (del 66% percento degli aventi diritto). Queste sono le regole della democrazia. Ma chi glielo fa fare al PD di caricarsi in Giunta una mine vagante come Clement, vagante perché propone un programma per molti aspetti completamente diverso, oppure un Covato apertamente ostacolato negli ultimi due anni di consiglio dai Moderati? Senza contare che la maggioranza dovrà fare attenzione a due forze antagoniste come IDV e UDC!

Lunedì scorso però, subito dopo l’esito del primo turno, alla domanda dell’Eco del Chisone “Ci sarà l’apparentamento con la Federazione della Sinistra?” Buttiero rispose “Domani ci parliamo e studieremo le strategie, ma entrambi siamo gente di parola, non ci saranno problemi”.

I mancati apparentamenti promessi ci dicono esattamente l’opposto, il PD ha blindato la maggioranza. Sappiamo che i politici non mantengono mai la parola, ma già così presto?

Un dubbio però ci era venuto… non è che Clement e Buttiero si sono parlati e che la strategia studiata sia quella di far rimanere Clement e la Federazione della Sinistra all’opposizione solo per finta, ottenendo così un appoggio esterno? Magari in cambio di qualche assessorato o carica nel consiglio comunale? Speravamo di no, non pensavamo che i comunisti si volessero suicidare. La storia ci ha insegnato invece che sanno farlo molto bene ed infatti ora in prima pagina dell’Eco del Chisone (25 maggio 2011) leggiamo “Un accordo è stato comunque raggiunto: i comunisti entreranno in Giunta in un secondo tempo”. Quali sono i termini dell’accordo? Con così poche informazioni loro possono anche chiamarlo accordo, noi lo chiamiamo inciucio.

Anche grazie al loro mancato apparentamento, nonostante i 1510 voti del Movimento 5 Stelle che corrispondono all’8,9%, rimaniamo anche noi con un solo consigliere all’opposizione, proprio come i 40,000 euro di Camusso (4,78%) e la Lega della Piera (5,58%)…

Bastavano 113 voti in più per metterne due… ma 3 consiglieri, forse 2, magari 1… E’ importante? Crediamo che i numeri non facciano questa gran differenza. Altra cosa sono i progetti amministrativi. Ora siamo dentro il Comune e questa è una gran bella cosa perché con noi ci siete anche voi!

In tanti a sinistra ci dicono che forse al ballottaggio non andranno neanche a votare, in molti preferirebbero votare Chiabrando, ma in pochi avranno il coraggio di farlo per colpa di quel simbolo che ha accettato di voler rappresentare.
Noi indicazioni di voto non ne diamo, per coerenza non ci siamo apparentati con nessuno e non daremo alcun appoggio esterno in cambio di qualcosa, per noi sono tutti uguali. Giochi e mercati delle vacche non fanno per noi. Ma metti che alla fine il PD, forte della sua autostima, riuscisse a perdere il ballottaggio, a noi resta sempre un consigliere, ma sai le risate!

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *