Linux Day 2010

29 Ottobre 2010

Ha avuto luogo anche a Pinerolo la giornata nazionale per promuovere il software libero con incontri, presentazioni, dimostrazioni e installazioni gratuite sul pc dei partecipanti.

Logisticamente l’evento si è svolto in 3 locali presso la sede A.N.A., il primo riservato alle conferenze “tecniche”, dove si è tenuta anche la dimostrazione della lavagna interattiva realizzata con il telecomando WII, il secondo riservato alle installazioni (LIP) e il terzo, il più grande, dedicato alle “conferenze più divulgative” e alla pausa pranzo a base di pizza e bevande equo-solidali.

Dopo la descrizione della giornata e dell’associazione, effettuata dal presidente Lucio Crusca, nella saletta tecnica si è parlato di nuove architetture di sistema Intel e AMD e sempre in contemporanea iniziavano le prime installazioni gratuite.
E’ seguita una relazione su licenze e sostenibilità ed è stato trattato l’argomento didattica nella scuola con software libero: è stato presentato il 1° libro di testo opensource stampato per l’occasione, in concomitanza con l’arrivo di una classe del Porporato.

La mattinata si è conclusa con l’illustrazione di alcuni giochi gratuiti su Linux, parallelamente sono proseguite le installazioni e le conferenze tecniche sul LTSP Linux Server Terminal Project e la presentazione della lavagna interattiva.

Al pomeriggio è stato trattato l’argomento della privacy in rete e una descrizione dei software GIS su Linux.

Il clou della giornata è stato la partecipazione del Prof. Angelo Raffaele Meo, guru dell’informatica già presidente nella commissione che ha portato alla “legge Stanca” che ha relazionato sullo stato delle leggi riguardanti l’impiego del software libero nella pubblica amministrazione, numerosi i partecipanti.
In saletta tecnica intanto si svolgeva una analisi sulla sicurezza delle reti Wireless.

Al di là della cronaca, per chi di noi, del moVimento 5 stelle, che ha partecipato all’evento in veste personale, la sensazione è stata quella di un’ottima giornata divulgativa, organizzata molto bene da questa associazione: complimenti davvero. L’associazione SLiP di Pinerolo è raggiungibile all’indirizzo web http://pinerolo.linux.it.

Sebbene l’adozione del software libero non sia citato esplicitamente nel programma politico del moVimento 5 stelle, alla luce della relazione del Prof. De Meo sulla sua stima del costo totale delle licenze nella Pubblica Amministrazione (cautelativo: 3 mld di euro!) e al fatto che le ricadute economiche di una scelta open source sono essenzialmente locali, non è comunque pensabile da parte nostra il non assumere l’impegno di pieno sostegno all’adozione di soluzioni open source all’interno dell’Amministrazione Comunale di Pinerolo.

Impegno che sarà reso esplicito nel nostro programma elettorale per la Città: risparmio sulle licenze e conseguente sostegno ai fornitori locali per quanto riguarda le soluzioni informatiche.

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *