Resoconto Consiglio Comunale 23 e 24 Settembre 2020: Inceneritore, Gestione calore edifici comunali e Patto dei Sindaci per il clima e l’energia

28 settembre 2020

Nel giorno del ritorno a casa del Consiglio Comunale, sebbene ancora con una disposizione diversa e distanziata per le misure anti Covid, si sono prese alcune decisioni importanti di cui vi vogliamo dare conto.

Vi invitiamo ad approfondire quanto vi stiamo per raccontare visionando la registrazione della serata qui e nella pagina riassuntiva del Comune di Pinerolo qui archiviata.

A cominciare dalla comunicazione del Presidente del Consiglio che ha posto le scuse al giornalista e alla testata giornalistica oggetto di insulti di un Assessore, da parte dell’organo istituzionale più importante della nostra città, ossia il Consiglio stesso.

Lo ha fatto accogliendo la richiesta avanzata da tutti i Capi Gruppo, scuse seguite nella stessa sede da quelle dell’Assessore. Scuse chiare ed inequivocabili che completano quelle personali fatte privatamente al giornalista. E che fanno seguito a quelle del Sindaco a nome proprio e a nome della Giunta e a quelle del Gruppo Consigliare di maggioranza.

Ci sembra che il riconoscimento del proprio errore sia avvenuto in modo chiaro, inequivocabile e sincero a tutti i livelli coinvolti e che quindi il capitolo si possa ritenere chiuso.

Scorrendo l’ordine del giorno riteniamo di posare l’attenzione sui seguenti provvedimenti.

Mandato al Sindaco ad esprimere voto favorevole in ACEA per l’acquisto di parte delle azioni poste in vendita di TRM Spa (inceneritore).

Premessa: la Città di Torino, sempre alle prese col debito-monstre ereditato dalle capaci amministrazioni precedenti, ha deciso di vendere la sua quota azionaria (17%) dell’inceneritore del Gerbido, unico impianto di incenerimento dei rifiuti in Piemonte. La restante parte è in mano a IREN, società quotata in borsa. In prima battuta l’offerta è riservata alle pubbliche amministrazioni. In caso di insuccesso la vendita verrà estesa ai privati.

Al momento della valutazione sulla bontà dell’operazione eravamo certi della facile equazione:

“M5S (da sempre contro l’incenerimento dei rifiuti) acquista azioni dell’inceneritore = cambio di rotta/incoerenza”

fatta da chi non è in grado di approfondire la questione per mancanza di voglia o per sfruttare una delle poche opportunità di polemica che questa amministrazione ha concesso.

L’equazione è facilmente smontabile rispondendo a queste semplici domande:

D: Evitando di acquistare le azioni messe in vendita dal Comune di Torino si ferma l’inceneritore?

R: No, l’unica cosa che succede è che sfuma l’opportunità di acquisto riservata alle pubbliche amministrazioni lasciando il campo libero ai privati.

D: Acquistando queste azioni si inizia a conferire rifiuti all’inceneritore?

R: No: l’ACEA da anni conferisce rifiuti solidi urbani all’inceneritore, e da quando s’è esaurita la discarica del Torrione anche i rifiuti “industriali”, ossia gli scarti della lavorazione dell’umido.

D: I cittadini di Pinerolo pagheranno questa operazione o comunque i costi graveranno sui servizi offerti da ACEA?

R: L’acquisto, il cui importo è da definire a seconda dell’andamento della trattativa ed al giudizio di sostenibilità definito dal management di ACEA, è finanziato dalle banche ad un tasso di interesse decisamente più basso della redditività delle azioni di TRM: si tratta di un’operazione finanziariamente vantaggiosa.

D: Ma perché comprare quelle azioni?

R: Le motivazioni sono sostanzialmente due:

  1. Evitare che la proprietà dell’unico inceneritore del Piemonte finisca per essere totalmente in mano ai privati. Riteniamo che la mano pubblica debba rimanere per preservare una visione pubblica slegata da ragioni meramente utilitaristiche e di redditività.
  2. Attualmente lo smaltimento degli scarti di lavorazione – ritenuti industriali – avviene ad un prezzo stabilito da trattativa (non prestabilita come i rifiuti urbani), prezzo che ha reso in passato molto più economico caricare gli scarti di lavorazione del digestore su camion e trasportare in Lombardia per l’incenerimento. L’intento strategico è quindi quello di entrare in società per avere voce in capitolo nella costruzione delle dinamiche commerciali.

M5S è e rimane per la riduzione della produzione ed il riutilizzo dei rifiuti, politica che non viene minimamente contraddetta dall’operazione votata (con un’ampissima maggioranza e poche astensioni) in Consiglio Comunale a Pinerolo ed in quasi tutti Consigli del territorio di competenza ACEA.

Convenzione per la gestione del calore negli stabili di competenza comunale.

Si tratta della modifica della convenzione siglata nella stagione termica 2010/11 dal Comune con ACEA per i fabbricati comunali (scuole, palestre, comune) con la metodologia del “grado giorno” che, a distanza di tutti questi anni, fa acqua (calda) da tutte le parti.

Sono state apportate sostanzialmente due modifiche:

  • Introduzione del controllo su interventi di manutenzione ordinaria. Si stabilisce una procedura dove il 10% del totale pagato dal comune per la gestione calore (1 milione € circa) dev’essere impegnato in tale attività: per gli interventi sotto i 3.000 € e per gli interventi urgenti prestabiliti dalla convenzione non c’è bisogno dell’accettazione preventiva da parte dell’Amministrazione, mentre i lavori più importanti devono essere valutati e coordinati precedentemente. L’insieme di queste migliori definizioni rende il quadro di cosa fatto/da fare più chiaro.
  • Essendo molti gli investimenti in efficientamento già realizzati o in pieno svolgimento per opera del Comune al di fuori della convenzione (esempio per le scuole Puccini, Parri, e Collodi) la modifica consente di quantificare e tenere conto dei risparmi energetici ottenuti, cosa prima impossibile.

Patto dei Sindaci per il clima e l’energia – Approvazione piano d’azione per l’energia sostenibile (PAESC)

Siamo molto orgogliosi di aver adottato il PAESC (con voto unanime) che è il documento principe conseguente l’adesione del patto dei sindaci, atto importantissimo sotto l’aspetto ambientale previsto nel nostro programma elettorale. La redazione, l’aggiornamento e la consulenza su questo documento è affidata all’Energy Manager figura chiave introdotta da questa Amministrazione.

Brevemente il PAESC si articola in:

  • Inquadramento generale del Comune di Pinerolo: demografia, tessuto urbanistico e parco veicoli;
  • Bilancio energetico territorio comune: bilancio consumi energia, bilancio produzioni energia (dal tradizionale al rinnovabile), bilancio emissioni con la rispettiva evoluzione dall’anno 2000; analisi climatica (serie storica precipitazioni, temperatura media, qualità aria); analisi vulnerabilità del territorio (frane, smottamenti, esondazioni), con focus scenario tendenziale 2030 (ossia cosa succederebbe se non facessimo nulla)
  • Piano d’azione: cosa bisogna fare per raggiungere gli obiettivi individuati dal patto dei sindaci.

Alcune delle azioni indicate sono già state attuate ed altre sono in divenire, ma è evidente che il contenuto del PAESC, affinché si possano raggiungere gli obiettivi prestabiliti, deve diventare patrimonio culturale di tutte le aree di attività comunale dove si programma e si progetta la vita della Città.

Vi invitiamo a leggere l’intero documento qui.

Approvazione del regolamento comunale per l’istituzione e la tenuta del registro della bigenitorialità

Si tratta dell’istituzione di un registro dentro il quale vengono riportati i genitori separati di minori non affidatari che chiedono al Comune di essere parte delle comunicazioni che l’Ente invia per i loro figli.

E’ un servizio che prima non esisteva in quanto le comunicazioni vengono inviate al solo genitore affidatario e consente, ove richiesto, una puntuale e uguale informazione ad entrambi i genitori.

L’iniziativa è stata sollecitata da associazioni sensibili al tema e, finalmente, dopo un’attenta valutazione legale e organizzativa (resa difficile anche dalla mancanza di una legislazione di riferimento), ora possiamo dire di aver soddisfatto questa necessità.

Qui il link al regolamento

inceneritore

Movimento 5 Stelle Pinerolo

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *